mercoledì 7 marzo 2012

4 Marzo 2012


"Ma come fanno i marinai a baciarsi tra di loro, a rimanere veri uomini però?"
C'é ancora bisogno - mi chiedo - di dover ricorrere, nell'anno del Signore 2012, al funerale di un artista variegato che ha vissuto la propria vita privata con discrezione e riservatezza, per poter sostenere nuovamente la causa degli omosessuali?

La mia é una domanda retorica, ovviamente: perché la girandola di frasi retoriche, considerazioni, reticenze, indignazioni che ha preceduto e seguito il funerale di Lucio Dalla dimostra che siamo ancora indietro. E non intendo indietro rispetto ad altre Nazioni, come la Spagna e l'Olanda, dove le coppie gay hanno acquistato diritti rilevanti.

A mio parere l'Italia é indietro rispetto ai tempi. E' indietro rispetto alla giusta considerazione che si deve attribuire agli individui. Individui, sottolineato tre volte, che restano tali a prescindere dalle proprie scelte in materia di sessualità e di convivenza. Anzi, proprio in virtù delle proprie scelte, un essere umano diventa un individuo degno di considerazione, perché significa che ha potuto compierle in autonomia e liberamente.
E' questo a qualificare uomo un essere vivente, il libero arbitrio. Non sono i propri orientamenti sessuali a renderlo migliore o peggiori di altri.

E invece siamo ancora nel pieno di un dibattito che riguarda le coppie di fatto e le coppie di diritto, le coppie benedette da un'unione sacra e le coppie omosessuali, con distinguo primitivi che mortificano la ragione e sono degradanti per il concetto di coppia.

Qual'é il problema? Da quando ho la consapevolezza della mia eterosessualità, che mi pongo questa domanda: cosa causa la discriminazione che ancora ci costringe a discutere su un tema che dovrebbe avere la stessa valenza sociale di una conversazione sulle bionde e sulle more?

I cattolici ne fanno una battaglia, dando prova di mancanza di tolleranza e rispetto. Questo é un fardello che in Italia sentiamo più che altrove: i seguaci di Gesù Cristo hanno - da secoli ormai - dimenticato deliberatamente il messaggio d'amore e tolleranza del Vangelo e usano la religione come mero strumento di sottomissione e potere, facendo leva su concetti come il peccato e la punizione. L'elezione a Papa di Joseph Ratzinger non ha certo aiutato ad accelerare il processo di avvicinamento della Chiesa all'umanità.

I partiti politici che si definiscono moderati utilizzano questo tema per conquistarsi quelle sacche di elettorato bigotto che purtroppo rappresentano sempre la maggioranza, senza accorgersi che é un argomento anacronistico e - se vogliamo - anche incostituzionale. Discriminare una persona per le proprie scelte riguardanti la sfera intima é un bell'abuso.

Ma tale prevenzione si ritrova, oltre che presso i cattolici, anche nei laici. Una specie di sottile pregiudizio, non sempre espresso, di timore, di disorientamento, di sospetto. Un comportamento da investigare, a livello psicologico, probabilmente, o forse culturale, quel tipo di cultura radicata da millenni di ignoranza e ottusità.

Infine, la ritroviamo in certi commenti pudici dei quotidiani e dei telegiornali, relativamente a Marco Alemanno, definito la persona più vicina a Lucio Dalla, o l'amico più stretto, o piuttosto Marco (con profusione della figura retorica dell'antonomasia). Forse sarebbe stato più semplice e trasparente definirlo compagno.

Cosa che non dovrebbe offendere nessuno, né indurre a pensare che l'omosessualità possa offuscare il talento di un'artista.

E' giunto il momento di superare questa fase, di superarla spontaneamente e di buttarsi alle spalle dei pregiudizi ridicoli e imbarazzanti. Sono altri i problemi su cui affrontarsi. Smettiamo di creare dei falsi problemi e impariamo tutti ad accettare le diversità come opportunità di arricchimento personale, anziché come spettri da temere. Questo é il progresso, questo é il futuro.

2 commenti:

  1. Io credo nell’amore l’amore che si muove dal cuore, che ti esce dalle mani che cammina sotto i tuoi piedi. L’amore misterioso anche dei cani e degli altri fratelli animali, delle piante che sembra che ti sorridono anche quando ti chini per portarle via. L’amore silenzioso dei pesci che ci aspettano nel mare, L’amore di chi ci ama e non ci vuol lasciare…Vedi io credo, io credo che è l’Amore che ci salverà…
    Lucio Dalla

    RispondiElimina
  2. Dimmi..
    perché tu ami sempre gli altri
    e io
    amo solo te.
    L. Dalla

    RispondiElimina