giovedì 5 marzo 2015

FERRO




una mendicante distratta parlava
ai miei occhi - ho raccolto le tue lacrime -
dice 
dentro una scatola cinese 
in un bordello rivestito d’edera 
- ho ingannato il mio dolore con una puttana anemica che succhiava 
caramelle al rabarbaro - gocce
di sangue
unghie mangiate 
e la mia pelle consunta non riprende colore
vorrei 
sparire
polvere ritrovarmi sul comodino del mio amore 
- non tenermi come un picador 
usa quel ferro da calza e infilzami, una volta per tutte -
fottimi
in questo modo 
ma soffocami mentre mi baci

Nessun commento:

Posta un commento